Contributi

Claudio Bonvecchio

Grande Oratore del Grande Oriente d’Italia

Nato a Pavia, appartiene al Grande Oriente d’Italia dal 1992 nella loggia Gerolamo Cardano di cui è stato anche Maestro Venerabile. Già professore ordinario di Filosofia delle Scienze Sociali presso l’Università degli Studi dell’Insubria si è occupato prevalentemente di tradizione esoterica, simbologia e mitologia. Tra le sue pubblicazioni: La maschera e l’uomo (Franco Angeli, 2002), Esoterismo e Massoneria (Mimesis Edizioni, 2007), Iniziazione e Tradizione (Mimesis Edizioni, 2018).

Giancarlo Capra

Tatuatore

Originario di Lodi, dopo un percorso di formazione artistica conclusosi con una licenza in pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, lavora come illustratore in un’agenzia milanese. Dal 1995 decide di dedicarsi al tatuaggio aprendo a Lodi il primo studio dedicato a questa attività nella città, “Il Pellerossa Tattoo Studio”, di cui ancora oggi è titolare. I suoi soggetti preferiti attingono prevalentemente da un immaginario spiccatamente horror e macabro, prediligendo il bianco e nero e la sfumatura realistica.

Alberto Carli

Professore associato di Letteratura Italiana Contemporanea presso L’Università degli Studi del Molise e conservatore della Collezione Anatomica “Paolo Gorini”

Laureatosi a Milano in Lettere Moderne con una tesi sulla Scapigliatura, i suoi studi in seguito si sono rivolti prevalentemente all’indagine sui rapporti fra letteratura e scienza, con particolare predilezione per il contesto ​culturale di secondo Ottocento, alla Letteratura per l’Infanzia e giovanile.​ Dal 2002 è conservatore della Collezione Anatomica “Paolo Gorini”.

Fulvio Conti

Professore ordinario di Storia Contemporanea presso l’Università degli Studi di Firenze

Si è occupato a lungo di storia della massoneria e della cultura laica in Italia fra Otto e Novecento, dedicando una specifica attenzione al movimento cremazionista. I suoi interessi attuali di ricerca vertono sul rapporto fra storia e memoria e sui processi di costruzione delle identità politiche.

Adriano Favole

Docente di Antropologia Culturale presso l’Università degli Studi di Torino e vice direttore per la ricerca del Dipartimento di Culture, Politica e Società

Specialista dell’Oceania, si interessa di antropologia del corpo e della morte ed è stato tra i primi in Italia a occuparsi del tema dell’esposizione e della restituzione dei resti umani alle comunità native.

Franca Longoni

Medico

Franca Longoni, di origini milanesi, ha una specialità in cardiologia e medicina d’urgenza. Dopo alcuni anni di lavoro in reparto, ha sempre lavorato nell’ambito del pronto soccorso ospedaliero e in questo contesto ha conosciuto Ezio Omboni. Si sono sposati nel 1973 nella Basilica di San Vincenzo in Prato, la stessa che fece da sfondo all’opera di Luigi Conconi La casa del mago.

Paolo Mazzarello

Professore ordinario di Storia della Medicina presso l’Università degli Studi di Pavia, presidente del Sistema Museale di Ateneo e direttore del Museo Golgi di Pavia

Si è occupato di storia delle neuroscienze italiane nell’Ottocento e nel Novecento con particolare riferimento a Camillo Golgi e alla sua scuola scientifica. Infine ha sviluppato studi sull’ambiente scientifico della seconda metà del Settecento che ruotava attorno alle figure di Lazzaro Spallanzani, Alessandro Volta e, più in generale, alla Storia Naturale pavese dell’epoca.

Daniele Menozzi

Professore ordinario di Storia Contemporanea presso la Scuola Normale Superiore di Pisa

Si è occupato prevalentemente di Storia della Chiesa dalla Rivoluzione francese a oggi, soffermandosi in modo particolare sul rapporto tra Chiesa e nazione e sull’utilizzo da parte della Chiesa contemporanea di immagini o culti volti alla riaffermazione della propria funzione nella società di fronte al processo di secolarizzazione seguito alla Rivoluzione francese.

Attilio Mina

Fotografo

Nato e cresciuto in Brianza inizia a dedicarsi alla fotografia negli anni ’60 collaborando a giornali e riviste come il Quotidiano dei lavoratori, organo di Avanguardia Operaia, Fotografia Italiana Photo, concentrandosi prevalentemente sul mondo degli emarginati e documentando le battaglie politiche e culturali che scossero l’Italia degli anni ’70. Sempre nello stesso decennio si dedicò a ricerche e reportage fotografici su personaggi storici quali Cesare Lombroso, Giuseppe Paravicini e Paolo Gorini, lasciando anche in questo campo un’importante testimonianza storica e documentale che altrimenti sarebbe andata perduta.

Andrea Morstabilini

Editor presso Il Saggiatore e scrittore

Laureatosi in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Milano con una tesi sul fantastico nella narrativa italiana tardo-ottocentesca, ha scritto di serialità televisiva per Nocturno e Serialmente. Per Il Saggiatore ha tradotto e curato una nuova edizione de Le montagne della follia di H.P. Lovecraft. Il demone meridiano (Il Saggiatore, 2017), che vede protagonisti Paolo Gorini, le sue mummie e la città di Lodi, è il suo primo romanzo.

Riccardo Notte

Professore ordinario di Antropologia Culturale presso l’Accademia di Belle Arti di Brera

Suo principale campo d’indagine e ricerca da circa trent’anni sono le conseguenze antropologiche, sociali ed estetiche prodotte dalle nuove frontiere tecnologiche e scientifiche, dalla robotica al web, dall’ingegneria genetica all’esplorazione spaziale.

Ezio Omboni

Medico

​Ezio Omboni è specialista in medicina interna e cardiologia e nel corso della sua carriera ha operato prevalentemente nell’ambito della medicina di urgenza. Ha ricoperto per diversi anni la carica di direttore nel Pronto Soccorso del Fatebenefratelli di Milano. Il dottor Omboni è nipote del più noto Ezio Omboni, nipote della sorella di Gorini e prosecutore delle tecniche goriniane di conservazione della materia organica. La famiglia Omboni conserva attualmente ancora molto materiale inedito dello stesso Paolo Gorini.

Alessandro Porro

Professore associato di Storia della Medicina presso l’Università degli Studi di Milano

Privilegiando gli studi di Storia della Medicina dell’età moderna e contemporanea, si occupa da tempo di storia della cremazione intesa anche come paradigma interpretativo della medicina di fine Ottocento. È consulente e curatore dell’archivio storico della Società di cremazione di Milano, la prima fondata in Italia e prima operativa in Europa.

Helios “Porz” Pu

Musicista e direttore creativo

Direttore creativo presso un’agenzia di comunicazione bolognese, ha fondato nel 1999 la band metal Malnàtt, attività che lo ha reso noto al grande pubblico. Malnàtt è stato il primo progetto musicale metal in Italia ad aver avuto una fisarmonica in formazione introducendo nei testi anche il dialetto bolognese. Con il disco La voce dei morti (2008) la Scapigliatura milanese entra a far parte ufficialmente del progetto musicale di Helios, che musicherà alcune poesie di scrittori tra i quali Iginio Ugo Tarchetti, Emilio Praga e anche Olindo Guerrini (Lorenzo Stecchetti). Negli ultimi anni si è dedicato anche alla scrittura e al game design.

Recent Comments
Archives
Categories
  • Nessuna categoria
Categories
  • Nessuna categoria
Latest Posts
Newsletter

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi